< Premio In Sesto

Marlene Hausegger

L’artista austriaca Marlene Hausegger (Leoben, 1984) interviene nello spazio pubblico agendo direttamente nelle piazze, nei cortili, nelle aree verdi, sulle facciate dei palazzi, in prossimità di edifici abbandonati o di cantieri.

Con un fare solo apparentemente spontaneo, l’artista si infiltra nei luoghi per eseguire azioni veloci o per introdurre elementi minimi visibili solo da una certa prospettiva. Il più delle volte si tratta di interventi temporanei, la cui traccia rimane perenne solo nella documentazione video e fotografica. L’artista predilige materiali semplici come il nastro adesivo, il gesso, il colore e l’uso di oggetti quotidiani. Il ricorso a un vocabolario visivo ironico, umoristico e giocoso è un espediente per ricontestualizzare il sito e innescare slittamenti di senso grazie ai meccanismi della citazione storico-artistica, della reinterpretazione e dell’accentuazione.

Gli interventi della Hausegger rivelano una forte aderenza al contesto e la natura profonda che li contraddistingue denota il loro farsi strumento di indagine sulle urgenze politiche e sociali del nostro tempo.

distant rivers

San Vito al Tagliamento è circondata da canali e l’acqua gioca in generale un ruolo fondamentale nella struttura urbanistica del suo centro storico. Prendendo spunto dai disegni di barche raffigurati sui muri della prigione, ho sviluppato l’idea di una installazione costituita da alcuni remi da canoa che spuntano da un prato. L’idea di distant rivers (letteralmente, “fiumi lontani”) è quella di mostrare un oggetto normalmente funzionale all’avanzamento sull’acqua colto da un’angolatura insolita. Le sommità delle pale dei remi hanno un colore diverso su ciascun lato: quando il vento soffia, queste girano sulla cima, e così facendo cambiano colore permettendo alla scultura di animarsi. Dopo un lungo momento di osservazione, l’installazione apparentemente giocosa susciterà una percezione più profonda e metaforica. Il movimento, uno dei principi primordiali nella storia naturale e umana, è sempre in relazione con il contesto circostante: pertanto, forze potenti possono scagliarsi contro di esso senza però riuscire mai ad annientarlo.

Marlene Hausegger